Adeguamenti degli Statuti, Regolamenti e Note informative: i chiarimenti Covip


Sulla base della documentazione pervenuta, risulta che non tutte le forme pensionistiche complementari hanno provveduto ad adeguare l’ordinamento interno e la documentazione informativa utilizzata alle novità introdotte con la Legge di bilancio 2018.


Nel dettaglio, dall’esame di un campione significativo delle comunicazioni fin qui pervenute sono emerse alcune criticità:
– in diversi casi i fondi pensione, pur avendo provveduto all’adeguamento del testo di statuto/regolamento, non hanno riportato nella Nota informativa le informazioni relative alla rendita integrativa temporanea anticipata;


– in alcuni casi è stata riscontrata la mancata indicazione, nell’ambito della Nota informativa, del comparto più prudente individuato dal Fondo destinato ad accogliere, salvo diversa volontà dell’iscritto, la porzione di montante di cui si chiede il frazionamento;
– con riferimento alle spese previste per l’erogazione della RITA, sono stati riscontrati casi in cui i costi sono stati espressi in percentuale dell’importo erogato per ciascuna rata di rendita anziché in cifra fissa. Detta modalità di definizione delle spese non è ritenuta ammissibile;
– in alcuni casi è stata prevista una periodicità di erogazione della RITA annuale e/o semestrale. Al riguardo si ricorda che l’erogazione della RITA deve avere una periodicità non superiore ai tre mesi.


Ciò premesso, la Covip – circolare n. 4216/2018 – richiama l’attenzione delle forme pensionistiche che avessero già provveduto all’adeguamento alle novità introdotte, sull’esigenza di effettuare una nuova verifica degli adempimenti operati alla luce di quanto sopra illustrato. Laddove vengano riscontrate situazioni analoghe a quelle sopra rappresentate, si chiede di correggere con tempestività le eventuali anomalie, provvedendo a trasmettere i documenti modificati in via telematica.
Nei casi di mancato o non corretto adeguamento, si richiamano i fondi interessati ad individuare le ragioni che hanno determinato inefficienze nei processi operativi interni volti ad assicurare la rispondenza della documentazione utilizzata alle previsioni normative vigenti e alle indicazioni fornite dalla COVIP. L’esito della verifica e gli eventuali interventi posti in essere andranno comunicati alla Commissione entro e non oltre 90 giorni dal ricevimento della presente.